art32

ENERGIA: PRIMO NON BRUCIARE!

  di Mario Nejrotti Un mondo che possegga energia illimitata, disponibile, a basso costo e proveniente da sorgenti così diffuse che nessun luogo della terra possa, attraverso il “ricatto dell’energia”, dominare sugli altri. Accessibilità e distribuzione per tutti. Condividi, Stampa Continua la Lettura »

solidarieta

EBOLA VISTO DA VICINO: UNA CORRISPONDENZA DALLA SIERRA LEONE CHE È QUASI UNO SCOOP

    Di Nicola Ferraro Il virus Ebola è diventato un’emergenza sanitaria mondiale (vedi), (vedi) e persino il Presidente degli USA, Barack Obama, ne parla in termini preoccupati nei discorsi ufficiali. Tra l’altro, oltre alle consuete e aspecifiche pratiche di immunologia Continua la Lettura »

cronaca evidenza

EBOLA: PIÙ VELOCE IL CONTAGIO O LA TRUFFA?

Di Nicola Ferraro Detto in soldoni, senza troppi giri di parole difficili e stucchevoli citazioni colte, agli ammalati africani di Ebola stiamo offrendo in pratica soltanto la rassegnazione per una morte certa, offerta come valore aggiunto di aiuto umanitario occidentale. Continua la Lettura »

art32

LE DONNE ITALIANE NEGLI ANNI SESSANTA

   Testo di Gabriella Tanturri Editing di Nicola Ferraro Il 4 agosto scorso RAITRE ha mandato in onda in seconda serata uno splendido documentario dal titolo: “Arriva il divorzio. Le donne negli Anni Sessanta” (vedi). Una puntata della serie “ Continua la Lettura »

cultura evidenza

OH CAPITANO, MIO CAPITANO! ADDIO

   Di Nicola Ferraro L’attore americano Robin Williams (vedi) si è suicidato impiccandosi l’11 agosto scorso. Un altro “baby boomer” (i nati dal 1945 al 1965, concepiti sull’onda lunga di entusiasmo prometeico che ha accompagnato la fine della Seconda Guerra Continua la Lettura »

Messaggio importante

L’Esecutivo, il Consiglio Direttivo, la Commissione Albo Odontoiatri, il Collegio dei Revisori dei Conti, i Componenti delle Commissioni, i Dipendenti, i Consulenti dell’Ordine provinciale dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Torino (OMCeO) si stringono con affetto intorno al Presidente Amedeo Bianco per la perdita dell’adorata consorte, Loretta.

lutto_2

 

Come segno di vicinanza al Presidente si è deciso di rinviare a novembre la manifestazione di  inaugurazione di Villa Raby, nuova sede dell’OMCeO di Torino, già prevista originariamente per il 18 e 19 ottobre 2014.

Condividi, Stampa ed Invia ad un Amico
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • PDF

MIGLIORI SI PUÒ: PARTIAMO DALLE PAROLE

art32

bandiera italia

 

Discriminazione: è una parola che ha molti volti. Ma la nuova campagna di comunicazione sociale di Famiglia Cristiana “Le parole che possono uccidere”, gestita con Avvenire e con la Federazione italiana settimanali cattolici (Fisc), e realizzata dall’agenzia di pubblicità Armando Testa, di volti ne ha quattro: in primo piano con la testa che scoppia, colpiti non da pallottole ma dalle parole“negro”, “terrorista”, “ladra”, “ciccione”.

Insulti che possono essere gridati o solo sussurrati, ma che lasciano il segno e che possono anche uccidere. Su questo si apre l’iniziativa dei giornali cattolici, la prima di una serie, raccolte sotto il concept #migliorisipuò, con l’obiettivo di costruire e di promuovere una comunicazione sociale di qualità. Don Armando Sciortino, direttore di Famiglia cristiana non ha dubbi: oggi la discriminazione è diventata troppo comune ed esserne oggetto è diventato troppo facile. Basta essere immigrati, o anziani o donne. Se poi si è di religione musulmana, oppureobesi o di etnia rom, ancor di più. La cronaca è purtroppo piena di episodi che sembravano scherzi ma sono tragedie.

Condividi, Stampa ed Invia ad un Amico
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • PDF

PARLARE AL CELLULARE IN AUTO? VIETATO ANCHE AL MEDICO

cronaca evidenza

bandiera italia

 

Riporta la notizia la newsletter (vedi) della FNOMCeO (vedi): linea dura della Cassazione con la sentenza n. 21266/2014. Nessuna urgenza può scusare l’utilizzo del cellulare al volante. È stata quindi multata la dottoressa di Padova che aveva usato, alla guida, un telefonino non dotato di auricolare provvedendo, secondo la sua tesi, all’«adempimento di un dovere» secondo uno «stato di necessità». Ma la tesi difensiva viene bocciata osservando che il medico «non poteva conoscere il contenuto delle richieste che le sarebbero pervenute dal suo superiore e che ove fosse stata a conoscenza della possibilità di ricevere telefonate relative a pazienti gravi, avrebbe dovuto predisporre le condizioni per rispondere con auricolare ovvero viva voce»; inoltre lo «stato di necessità» può essere invocato solo in caso di «effettiva situazione di pericolo imminente di danno grave alla persona, non altrimenti evitabile. Il caso: una specializzanda in cardiologia di Padova mentre guidava su un viadotto senza corsia di emergenza, ha usato il cellulare senza auricolare per rispondere al suo primario che le chiedeva informazioni per una paziente in gravi condizioni. Secondo i giudici, la situazione nella quale si è trovata la specializzanda non integra «una situazione di fatto a sostegno dell’operatività di una esimente reale o putativa».
Per tale ragione è stata confermata la multa fatta dai vigili urbani di Padova per infrazione alle norme del codice della strada sull’uso del telefonino.

Una sentenza simile era già stata oggetto d’attenzione per il “profilo dell’urgenza”, anche se non era un medico ad essere stato sanzionato: la Corte di Cassazione era intervenuta a ribadirlo nuovamente con la sentenza 11266/2010 (vedi). In questo caso la sanzione riguardava un uomo che, al volante senza auricolare, aveva sostenuto di aver usato il cellulare per avvisare il padre malato di prepararsi per essere portato ad effettuare dei controlli. I giudici avevano rilevato che l’argomentazione di carattere di urgenza poteva riguardare solo quelle situazioni di reale pericolo con che non lasciano altra alternativa se non la violazione della legge. Insomma, il soggetto deve trovarsi in una situazione di reale (e non presunto) pericolo di vita, poiché altrimenti ci sono altri mezzi cui ricorrere per salvaguardare l’incolumità e la salute di una persona.

Condividi, Stampa ed Invia ad un Amico
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • PDF

IL COSMETICO NON È UN FARMACO: TUTELA DEL CONSUMATORE

art32

bandiera italia

 

Sanzionata una società per l’uso di un claim ingannevole. Cioè il messaggio che contiene implicitamente, in modo subliminale, la promessa di efficacia del prodotto.
L’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Antitrust- http://www.agcm.it/) dopo aver acquisito il parere dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (http://www.agcom.it/) ha applicato la sanzione.

Il messaggio che è stato contestato era finalizzato all’acquisto on line di un prodotto che veniva presentato, con grafica e contenuto, come un farmaco e non come comestico, per le specifiche proprietà terapeutiche.
Il Tar Lazio (vedi) sulla base del Codice del Consumo (d.lgs. n. 206/2005), ha ritenuto questo claim ingannevole e quindi sanzionabile. L’art. 21 del Codice del Consumo definisce ingannevole “una pratica commerciale che contiene informazioni non rispondenti al vero o, seppure di fatto corretta, in qualsiasi modo induca o sia idonea ad indurre in errore il consumatore medio riguardo ad un elemento determinante dell’offerta, così da spingerlo ad assumere una decisione di natura commerciale che altrimenti non avrebbe preso”. (vedi)
Cos’è il Codice del Consumo

Condividi, Stampa ed Invia ad un Amico
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • PDF

Quando l’opinione pubblica conta: annunciato il divorzio tra LEGO e Shell

art32

bandiera italia

 

Di Luca Mario Nejrotti

LEGO (vedi) è sinonimo d’infanzia, creatività, gioco da almeno sessant’anni. Per le generazioni ante-Minecraft (vedi) è IL gioco per eccellenza, la cui supremazia può considerarsi “minata” soltanto da Playmobil (vedi).

Condividi, Stampa ed Invia ad un Amico
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • PDF

AFRICA SENZA PACE: DOPO EBOLA LA MERS?

dedalo

bandiera italia

 

Di Nicola Ferraro

Questo è il timore, certamente destinato a rinfocolare isterismi collettivi vecchi e nuovi, esplicitato recentemente dall’Oms (vedi), (vedi).

Condividi, Stampa ed Invia ad un Amico
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • Add to favorites
  • PDF
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE