Ricerca biomedica e conflitto di interessi. Il caso delle mesh vaginali

A cura de Il Pensiero Scientifico Editore   Nel 1996 l’ostetrico e ginecologo svedese Ulf Ulmsten realizzò uno studio in cui dimostrò l’efficacia di una procedura che prevedeva la correzione del prolasso genitale attraverso l’impianto di una rete (mesh) per via transvaginale (1). I risultati furono eccellenti e permisero di andare oltre la strategia terapeutica […]