Art32

L’ironia fa bene alla salute, anche se la DIGOS indaga

bandiera italia

 

Di Luca Mario Nejrotti

“Io li odio i nazisti dell’Illinois” (vedi), questa battuta fulminante, pronunciata da John Belushi (vedi) nel film “The Blues Brothers” (vedi) è entrata a buon diritto nella storia del cinema e mai avremmo pensato di dovere un giorno contraddirla.

L’ironia intelligente contro l’oscurantismo.

Invece, oggi la nostra solidarietà va proprio ai “nazisti dell’Illinois”! E nello specifico all’intelligente trentenne che, a Bergamo, ha espresso la propria disapprovazione verso la protesta delle Sentinelle in Piedi (vedi).

Questi ultimi hanno manifestato in molte città italiane contro la legge contro l’omofobia e l’estensione dei diritti alle coppie omosessuali, presentandosi in 100 piazze “ritti silenti e fermi” a leggere. Leggiamo sul loro portale: “Il 5 Ottobre Le Sentinelle di tutta Italia scenderanno in piazza a vegliare in 100 piazze diverse, per la libertà di espressione, per poter essere liberi di affermare che il matrimonio è soltanto tra un uomo e una donna, che un bambino ha il diritto ad avere la sua mamma e il suo papà e che loro hanno il diritto di educare liberamente i loro figli”. Una protesta pacifica, legittima e protetta dalla libertà di espressione, a cui il nostro spiritoso trentenne ha opposto il suo dissenso in modo altrettanto pacifico e legittimo.

Nejrotti_72_14_Fig_01

Modi diversi di dire “no”.

Il nostro ‘nazista’ si è presentato a Bergamo alla veglia delle Sentinelle, in divisa tedesca, con sul braccio il simbolo delle due croci usato da Chaplin (vedi) ne “Il Grande Dittatore” (vedi e vedi) e in mano il Mein Kampf (vedi), ai suoi piedi un cartello con scritto “I nazisti dell’Illinois stanno con le sentinelle”.

Paradossalmente, soltanto lui è stato fermato dagli agenti della Digos e si sta valutando di imputargli l’accusa di apologia del fascismo.

Eppure la sua forma di protesta è solo fortemente ironica e corrosiva e i riferimenti cinematografici sono chiari e ben più forti di quelli politici… Siamo sicuri che le Forze dell’Ordine appena allontanatesi avranno congedato il giovane con una risata. Quella risata che forse manca nella seria protesta delle Sentinelle in Piedi.

Ci sembra che questo caso dimostri come l’ironia possa fare molta presa sull’opinione pubblica, molto più di scontri più violenti, come quelli avvenuti a Torino proprio in occasione della protesta delle Sentinelle in Piedi. Qui la polizia ha dovuto respingere i tentativi della folla colorata che intendeva disturbare la compassata protesta contro i diritti delle coppie omosessuali. Anche se più concitata, però, la contromanifestazione torinese teneva alta la bandiera dell’ironia: uno dei partecipanti, vestito da Gesù Cristo, ostentava un cartello che recitava “Io non sto con questi tizi”.

L’ironia è una manifestazione d’intelligenza e non può e non deve essere un crimine. È paradossale, e denota scarsa fantasia, che parodiare il nazismo possa essere, anche solo per un attimo, confuso con il difendere lo stesso… Forse per “il Grande Dittatore” il reato è caduto in prescrizione… Ne sarà sollevato Charlie Chaplin.

Immagini tratte dal portale de “laRepubblicaMILANO.it”.

Fonti:

http://milano.repubblica.it/cronaca/2014/10/05/foto/bergamo_falso_hitler_contro_le_sentinelle_denunciato-97425312/1/#1

http://torino.repubblica.it/cronaca/2014/10/05/foto/tafferugli_e_spintoni_contro_le_sentinelle_in_pidei-97404420/1/#1

http://sentinelleinpiedi.it/