Donazioni e trapianti di organi in aumento nel 2017

Di Luca Mario Nejrotti

Ottime notizie dal Centro nazionale trapianti (vedi): nel 2017 sono cresciuti sia i trapianti di organi (+6%) sia i donatori (+9%).

Una crescita mai vista negli ultimi dieci anni (vedi).

Maggiore efficienza.

Il trend positivo degli ultimi cinque anni si conferma, anche grazie alla razionalizzazione dell’intero sistema della rete Nazionale Trapianti: i pazienti in lista d’attesa sono per il secondo anno in calo.

Inoltre continuano a diminuire le opposizioni alle donazioni: 28,7% contro il 32,8% dell’anno precedente. Quest’ultimo dato potrebbe essere dovuto all’aumento delle dichiarazioni di disponibilità alla donazione. Infatti, normalmente le opposizioni avvengono da parte dei familiari del potenziale donatore in assenza di un’esplicita dichiarazione di quest’ultimo.

Trapianti.

Col crescere delle donazioni anche gli interventi vedono un deciso aumento: nel 2017, gli interventi totali (organi prelevati da donatore deceduto e vivente) sono stati 3921 rispetto ai 3698 del 2016 (+6%).

Aumentano i trapianti di tessuti, rene e di fegato, mentre si mantengono più stabili cuore e polmone.

Cultura della donazione.

Le buone notizie sono l’occasione per una riflessione: Flavia Petrin, presidente di Aido (Associazione Italiana per la Donazione di Organi, tessuti e cellule, vedi), pur soddisfatta dei risultati finora ottenuti, sottolinea quanto ancora ci sia da fare.

In particolare si deve ancora diffondere in modo capillare la cultura della donazione: al momento soltanto il 5% della popolazione (circa 2 milioni e mezzo di persone) si è espresso  sulla scelta di donare o meno i propri organi.

Una Scelta in Comune.

L’iniziativa che più può favorire la diffusione delle donazioni è “Una scelta in Comune” (vedi) ossia la possibilità per i cittadini di esprimere la propria disponibilità al trapianto al momento di rinnovare la Carta d’Identità all’Anagrafe.

A oggi, però, solo il 20% di chi rinnova la carta d’identità si esprime, anche se non è da trascurare il fatto che chi si esprime all’anagrafe dichiara disponibilità alla donazione l’81,7% delle  volte.

Diamo il meglio di noi.

Un’altra iniziativa sul fronte della sensibilizzazione e informazione sui temi della donazione e del trapianto è la campagna nazionale di comunicazione, “Diamo il meglio di noi” (vedi) , che conta sul supporto di 36 grandi organizzazioni pubbliche e private.

Nel 2017 alla campagna hanno aderito anche alcune Regioni, proponendo percorsi e iniziative di comunicazione coordinate sul territorio e in sinergia con i coordinamenti regionali trapianti. Ad oggi, le Regioni che hanno aderito sono la Sicilia, il Lazio, la Puglia e la Lombardia.

Fonti.

http://www.vita.it/it/article/2018/01/17/donazioni-e-trapianti-numeri-da-record-nel-2017/145659/

http://www.aido.it/

http://www.trapianti.salute.gov.it/cnt/cntPrimoPianoDett.jsp?area=cnt-generale&menu=menuPrincipale&id=400

http://www.trapianti.salute.gov.it/imgs/C_17_primopianoCNT_400_listaFile_itemName_0_file.pdf

http://www.trapianti.salute.gov.it/cnt/cntDettaglioMenu.jsp?id=222

http://www.diamoilmegliodinoi.it/