Meglio seguire portali accreditati per sfuggire alle fake news

di Mario Nejrotti

Usare i portali di salute ufficiali, come quello inaugurato di recente dalla  FnoMCeO   non significa asservirsi al potere e perdere la propria capacità critica.

Un gran numero di italiani (1 su 3 da dati recenti Censis) cercano notizie di salute nella rete.

Il 90% si informa anche per  specifiche malattie  .

Moltissimi, però, senza poter valutare a pieno, si espongono a fake news. Le false notizie, rimbalzate poi nelle rete da altri portali finiscono di diventae un rumore forte e ripetitivo che  rischia di incarnare la verità su realtà mediche molto importanti e delicate.

Ben 150 tra quelle più spesso circolanti sono state smascherate dall’Istituto Superiore di Sanità (Iss), che a “Bufale e falsi miti” in tema di salute dedica un’apposita sezione del portale ISSalute.

La letteratura antiscientifica spesso diviene vox populi e si ammanta di buon senso.

Lo zucchero di canna è meglio di quello bianco, Braccio di ferro e gli spinaci; l’alcol della birra è meglio di quello del vino, c’è un complotto per tenere nascosta la  vera cura del tumore, le medicine alternative sono più efficaci e meno dannose di quelle ufficiali e così via.

Tutte bugie!

Un lavoro di ricerca sulle fake news da parte dell’ISS, che ogni giorno porta ad arricchire il bagaglio di possibilità per i naviganti di avere informazioni validate dalle prove scientifiche e di contrastare una controcultura che, ben lontana dall’essere critica ad una supposta arroganza accademica, può danneggiare la salute dei cittadini.

Una per tutte le campagne NoVax che rischiano di far ammalare di malattie ormai largamente prevenibili i bambini anche di quei genitori che vorrebbero seguire le indicazioni della scienza.

Elenchiamo di seguito alcune curiosità spulciate dal portale dell’ISS che possono far riflettere.

 Il portale,diviso per sezioni , Alimentazione, Attività Fisica, Vaccini, Farmaci…, fa una rapida analisi della fake news e dà poi spazio a chi vuole approfondire con un click

 

Obesità infantile? Inutile preoccuparsi, passa con lo sviluppo

Un bambino obeso ha un altissimo rischio di diventare un adulto obeso: tale rischio aumenta con l’età ed è direttamente proporzionale all’entità dell’eccesso di peso

La pasta fa sempre ingrassare, l’ananas invece fa dimagrire

Non esistono alimenti buoni né cattivi: tutti gli alimenti vanno inseriti, nelle giuste proporzioni, nell’ambito di una dieta sana e varia.

Per dimagrire basta saltare i pasti

Saltare i pasti per dimagrire è un metodo che non funziona e non fa bene alla salute.

Fare movimento alla mia età? Sono troppo vecchio per mettermi la tuta!

Una costante attività fisica aiuta a rallentare il processo di invecchiamento e migliora la qualità di vita dell’anziano riducendo i sintomi e le conseguenze di eventuali patologie presenti, migliorando le funzioni cognitive, aumentando la forza e la massa muscolare ed evitando situazioni di isolamento e solitudine.

Fare attività fisica richiede troppo tempo e denaro

In realtà, semplici attività quotidiane, come fare giardinaggio, svolgere le faccende domestiche, salire le scale, fare lunghe passeggiate, ballare o andare in bicicletta, possono avere effetti benefici sulla salute fisica e psichica.

Poche sigarette al giorno non fanno male alla salute

Non esiste una soglia al di sotto della quale possiamo essere certi che il fumo non produca danni alla nostra salute (1). L’unico modo efficace di proteggersi dai danni del fumo non è quello di fumare “poco”, ma piuttosto di non fumare.

Esagero con l’alcol ma solo nel fine settimana, quindi non metto a rischio la mia salute

Bere in modo esagerato, anche se solo nel fine settimana (binge drinking), non previene affatto i danni dovuti all’alcol.

Durante il primo rapporto sessuale non si può rimanere incinta

Anche se è alla sua prima volta una donna può rimanere incinta; infatti, la condizione di “prima volta” non influisce assolutamente sulla capacità di concepire un figlio. Una volta che una donna ha iniziato ad ovulare (mese precedente alla prima ) ogni rapporto sessuale può esitare in una gravidanza (

L’immigrazione ha riportato malattie ormai scomparse da secoli come la tubercolosi

Sebbene ormai relativamente rara (meno di 10 casi su 100.000 abitanti), la tubercolosi non è mai scomparsa dal suolo nazionale né è stata reintrodotta recentemente dai fenomeni migratori

Gli immigrati occupano i nostri posti letto negli ospedali e sfruttano i nostri servizi sanitari

Recenti valutazioni economiche dimostrano che gli stranieri residenti in Italia si ricoverano di meno e consumano, in rapporto ai cittadini italiani, risorse molto minori.