L'odontoiatria nel Medioevo

Quando il dentista era barbiere e il cerusico era chirurgo

di Patrizia Biancucci

Il Medioevo è il periodo storico che va dal 476 d.c., anno della caduta dell’Impero romano d’Occidente, alla metà del 1.300. All’inizio del Medioevo, tra il 500 e l’anno 1000, le attività di medico e di dentista venivano esercitate dai monaci e dai preti che avevano accesso ai libri di medicina redatti da studiosi arabi. I barbieri chirurghi li assistevano.

I Santi Cosma e Damiano, protettori dei chirurghi, dei farmacisti e dei barbieri riattaccano un arto – Landesmuseum Württemberg

Ma nel 1139 il II concilio laterano minaccia i preti di gravi sanzioni e proibisce ai monaci di compiere atti chirurgici, compresa l’estrazione dei denti, l’incisione di ascessi, la cataratta e altri. I barbieri spesso assistevano i monaci nelle loro pratiche chirurgiche, in quanto essi visitavano i monasteri per radere la barba dei monaci e le lame affilate dei rasoi erano utili alla chirurgia. Il Papa Alessandro III, nel Concilio di Tours del 1163, prese la decisione: Ecclesia abhorret a sanguine  (n.d.r. affermazione mai provata storicamente) per cui gli interventi chirurgici erano incompatibili con il sacerdozio. Il IV concilio laterano del 1215 vietava definitivamente ai medici, in abito da prete, di assolvere pratiche chirurgiche, perché la colpa della morte di un uomo li avrebbe resi incapaci di esercitare il loro ministero.

Esame delle urine, dal “Livre de la propriétés des choses”, Chantilly, Musée Condé XV secolo

Nel 1210 viene fondata in Francia una Corporazione dei Barbieri che li distingue in due gruppi: i chirurghi che sono educati e allenati per compiere operazioni chirurgiche complesse, e i barbieri-chirurghi che fanno la barba e le estrazioni dentali.

Una miniatura dal “Trattato di chirurgia” – inizi del XIV secolo, British Library, Londra

Anche la Repubblica di Venezia nel 1271 istituì la Corporazione dei Barbieri, distinta in otto Colonnelli:

Barbitonsori – Barbieri che si limitavano a tagliare barba e capelli.

Conzaossi – Specializzati nella cura delle fratture e della sistemazione delle lussazioni.

Norcini – Che curavano le ernie e gli organi genitali (il termine norcino potrebbe derivare dagli abitanti di Norcia).

Barbieri cavadenti – Barbieri dentisti.

Stueri – I luoghi riscaldati dalle “stue” (stufe) si usavano come bagni; qui i “barbieri” curavano ed estirpavano i calli.

Braghieri – Erano specializzati in fasciature per ernie e castravano gli animali.

Parrucchieri – Producevano le parrucche (aggregati dal 1435 ma in seguito staccati).

Barbieri chirurghi – Curavano le piccole ferite ed affrontavano anche gli interventi più impegnativi, seguendo le istruzioni di un medico. Nei conventi, allo scopo di eliminare gli umori venosi e di abbassare la pressione, i monaci venivano sottoposti a salasso quattro volte all’anno da un fratello addetto o dal barbiere. L’arte medica prende allora una piega che sarà ridefinita solo nel XIX secolo.

Chirurgia della cataratta, procedura dolorosa che raramente ridava la vista ai pazienti

Il barbiere chirurgo, anche detto “cerusico” per secoli, è il proprietario o il direttore di uno stabilimento di bagni o bagni pubblici. Egli può fare piccola chirurgia e radere la barba. I barbieri sono menzionati per la prima volta in un documento ufficiale di Colonia nel 1397. Nel 1450 i barbieri, secondo una decisione del Parlamento Inglese, possono solo effettuare  salassi, togliere denti e curare i capelli. Fino al 1754 le corporazioni dei chirurghi esistono in parallelo con quelle dei barbieri. Il re inglese Giorgio II decide che le corporazioni si separino e fa lo stesso il re francese Luigi XIV, qualche anno più tardi. Si dice che il Re Sole, spesso sofferente di mal di denti, già all’età di 30 anni non avesse più un dente in bocca!

il Barbiere-Chirurgo esegue un salasso

Nel 1779, i  barbieri e i barbieri chirurghi sono riuniti con leggi emanate dall’impero tedesco. Nel 1811, la nuova legge sui corpi dello Stato in Prussia sopprime le corporazioni e separa la chirurgia dal mestiere di barbiere. La chirurgia può svilupparsi indipendentemente dal mestiere di barbiere-parrucchiere. In Germania i barbieri si occupano della maggior parte delle cure odontoiatriche; si danno i titoli, i più diversi per il loro mestiere: tecnico dentistaoperatore dentaleartista dentale, dentistadentista approvato in Americadottoremedicomedico dentistaspecialista di mal di dentidocenteprofessore di tecnica dentale modernadottoressa americana in chirurgia dentaledentista svizzero. All’inizio del XIX secolo, i barbieri si orientano sempre di più verso il mestiere di parrucchiere e la nuova ordinanza tedesca consacra la separazione tra il lavoro di parrucchiere e l’attività del chirurgo, tanto che la denominazione professionale scomparve definitivamente nel 1934, sebbene conservassero il diritto di estrarre i denti fino alla promulgazione della legge sulla medicina dentale nel 1952.