Farmaci

Come donare e recuperare i farmaci non scaduti con una app

di Maria Rosa De Marchi

Come si può utilizzare farmaci che non servono più, ma che non si sa come impiegare? A Torino basta Junker. La piattaforma digitale, adottata dal comune di Torino e realizzata dall’azienda Giunko, era stata inizialmente progettata specificatamente per risolvere i piccoli grandi dubbi del quotidiano e per semplificare la vita ai cittadini: grazie alla scansione del codice a barre sulla confezione dei prodotti, l’app è in grado di indicare come scomporre il prodotto e fare la raccolta differenziata domestica in modo semplice e immediato.

Reimpiego dei farmaci: la nuova implementazione di Junker

Da aprile l’app può contare su una nuova partnership del comune di Torino con Banco Farmaceutico che ha permesso l’implementazione di una nuova funzionalità che riguarda il progetto Recupero Farmaci Validi non Scaduti. Per scoprire come funziona il progetto è sufficiente scaricare la app, installarla e cercare la parola “farmaco” nel campo di ricerca. Il sistema è poi in grado di visualizzare una mappa con 101 farmacie torinesi che aderiscono al servizio e fungono da punti di raccolta.

La nuova funzione si aggiunge alla funzione già presente che individua la mappa con i punti di conferimento dei farmaci già scaduti.

Cosa è possibile raccogliere con la nuova funzionalità

Possono essere recuperati farmaci non scaduti, con almeno 8 mesi di validità, correttamente conservati nella loro confezione primaria e secondaria originale integra.

Sono esclusi dalla raccolta i farmaci che appartengono alle tabelle delle sostanze stupefacenti e psicotrope, farmaci da conservare in frigorifero e farmaci ospedalieri.

La sperimentazione sulla dispensazione di farmaci “sfusi”

Qualche mese fa il direttore generale dell’Agenzia italiana del Farmaco (Aifa), Luca Li Bassi ha annunciato l’avvio di un progetto per sperimentare la dispensazione di farmaci “sfusi”, ovvero non più venduti in confezioni che ne contengono dosi eccessive rispetto alla necessità. Con l’obiettivo di soddisfare i bisogni sanitari e migliorare l’efficientamento delle risorse e anche ridurre gli sprechi.

Come scoprire le funzionalità della app Junker

L’obiettivo della app Junker è quello di contrastare lo spreco dei farmaci ancora validi e favorire nello stesso l’incremento dei conferimenti di farmaci scaduti presso i diversi punti di raccolta della città, riducendo quindi l’inquinamento ambientale (avevamo parlato del problema della contaminazione degli ecosistemi acquatici ad opera dei farmaci qualche tempo fa in questo articolo.

È possibile trovare maggior informazioni sulla nuova funzionalità Farmaci non Scaduti sul sito internet del Banco Farmaceutico e sul sito del Comune di Torino, mentre a questo link è possibile visitare il sito internet del progetto Junker.