Il prezzo salato del burnout

A cura de Il Pensiero Scientifico Editore

 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha riconosciuto ufficialmente la sindrome di burnout come fenomeno di origine occupazionale che influenza lo stato di salute (1). Nella revisione della classificazione internazionale delle malattie – International Classification of Diseases (ICD-11) – il burnout viene definito come una problematica di stress lavoro correlato non adeguatamente gestita. Problematica ben nota anche in ambito sanitario, che impatta negativamente sulla qualità di vita dei medici e, conseguentemente, anche sulla gestione del personale e sulla qualità delle cure, traducendosi in casi di malpractice: tutti elementi questi che hanno un impatto economico sul sistema salute. Nonostante l’interesse crescente mostrato per il burnout dei medici negli ultimi anni solo pochi studi hanno provato a quantificarne la dimensione economica con metriche facilmente comprensibili. “Ma senza questi dati, risulta difficile una presa in carico olistica del problema da parte dei policymaker”, precisano gli autori di una ricerca statunitense, uscita sugli Annals of Internal Medicine a pochi giorni di distanza dalla revisione dell’ICD-11, che fornisce una prima stima dei costi correlati all’abbandono del lavoro, ai cambi di turni e alla riduzione dell’orario dei medici colpiti dal burnout (2).

Con un modello matematico è stato stimato che negli Stati Uniti il burnout dei medici costa in media 4,6 miliardi di dollari all’anno su scala nazionale, circa 7600 dollari per medico assunto con un oscillazioni che possono andare dai 3700 ai 11.000 dollari. A pesare maggiormente è il costo delle sostituzioni del personale piuttosto che quello della riduzione delle ore lavorative e il burnout che colpisce i medici con meno di 55 anni. Ne deriva che le politiche e le spese organizzative dirette al contenimento del fenomeno del burnout potrebbero avere un notevole costo economico. Senza contare che la stima non ha tenuto conto della scarsa performance professionale dei medici costretti a operare sempre al limite del burnout.

Quella del medico è una carriera stressante e con un alto carico di lavoro.  Tradizionalmente, la risoluzione del problema del burnout del personale sanitario è stata affrontata principalmente sul piano etico. “Il nostro studio – concludono gli autori – fornisce degli strumenti per valutare la dimensione economica del problema. Insieme alle evidenze già raccolte sulla fattibilità di ridurre effettivamente il burnout con modesti investimenti, i nostri risultati suggeriscono alle organizzazioni una solida base finanziaria per investire nella risoluzione del fenomeno del burnout”.

Nell’editoriale che accompagna l’articolo sugli Annals, Edward M. Ellison presidente del Southern California Permanente Medical Group ha sottolineato che “una forza lavoro malata e infelice può comportare un alto turnover e sostituzioni, un’assistenza di bassa qualità, un alto rischio di richieste di risarcimento per malasanità, per errore o negligenza medica, e esiti per i pazienti subottimali”. Oggi giorno la pratica medica è più difficile che mai e fonte di stress. “Quasi tutto ciò che un medico fa – commenta Ellison – viene monitorato, valutato e segnalato”. La Southern California Permanente Medical Group sta lavorando su questo fronte attraverso la creazione di una cultura della salute e del benessere, affrontando i cambiamenti necessari nell’ambiente della pratica medica, offrendo supporto emotivo tra pari e fornendo istruzione sulle strategie di benessere e di autocura. Un dovere morale, perché al di là del costo economico il burnout ha un costo umano che è inestimabile, conclude Ellison ricordando per esempio che negli Stati Uniti il tasso di suicidi tra i medici supera quello dei veterani di combattimento. Circa 300-400 medici americani si tolgono la vita ogni anno. “Non possiamo sottovalutare l’urgenza, la severità e la tragedia del costo umano del burnout”.

 

Bibliografia

1. World Health Organization. Burn-out an “occupational phenomenon”: International Classification of Diseases. Who.int, 28 maggio 2019.

2. Han S, Shanafelt TD, Sinsky CA, et al. Estimating the Attributable Cost of Physician Burnout in the United States. Ann Intern Med 2019 May 28. doi: 10.7326/M18-1422.

3. Ellison EM. Beyond the Economics of Burnout. Ann Intern Med 2019 May 28. doi: 10.7326/M19-1191