Il decalogo della corretta postura secondo la Società Italiana di Traumatologia e Ortopedia

Il decalogo della corretta postura secondo la Società Italiana di Traumatologia e Ortopedia

di Maria Rosa De Marchi

La scuola per tantissimi bambini e ragazzi è ricominciata da pochi giorni e la Società Italiana di Traumatologia e Ortopedia (SIOT) ha pubblicato un documento sul sito dell’associazione per supportare i genitori nel verificare e garantire la corretta postura dei ragazzi.

In particolare, per i ragazzi è fondamentale cercare di tenere una corretta postura sia a scuola che in altri luoghi di studio, con il supporto di sedia e scrittoio che rispettino la giusta proporzione in relazione all’altezza dei bambini. È anche fondamentale non trasportare zaini troppo pesanti (secondo la SIOT, non più del 15% del peso dei ragazzi) e che, oltre ai supporti direttamente utilizzati dai ragazzi, siano utilizzati in modo ottimale anche gli altri arredi scolastici, tra cui le lavagne e le lampade per l’illuminazione dei piani di lavoro.

É fondamentale anche che i ragazzi facciano regolarmente attività motoria a scuola; SIOT suggerisce inoltre, “oltre all’educazione fisica settimanale in palestra, sarebbe buona norma eseguire 10 minuti di esercizi in classe a metà giornata”.

In dieci anni +700% casi di cifosi nei bambini delle scuole primarie: colpa dello smartphone

I problemi scheletrici sembrano in drammatico aumento per quando riguarda i bambini: in dieci anni sono aumentati del 700% i casi di cifosi tra i bambini delle scuole primarie. A denunciarlo sono la Società italiana di Ortopedia e Traumatologia SIOT, la Società italiana Ortopedia e Traumatologia Pediatrica SITOP e la Società italiana Ginnastica Medica e Rieducazione motoria SIGM che hanno presentato qualche mese fa i risultati di una ricerca che evidenzia una vera e propria “bomba sociale”.

Sotto accusa smartphone e tablet: a causa di questi “babysitter elettronici” (le cui implicazioni d’uso sono secondo le società scientifiche sottovalutate dai genitori) si sviluppano comportamenti posturali che possono causare problemi che possono degenerare col passare del tempo.

Sin dai tre o quattro anni, i bambini giocano con i dispositivi elettronici piegandosi in avanti e incurvando la colonna vertebrale, che poi non riescono a mantenere la posizione corretta di tronco e spalle sia da seduti che in piedi.

Secondo le società scientifiche coinvolte nella ricerca, “da un atteggiamento cifotico, assolutamente correggibile, si può arrivare a una cifosi strutturata che è una patologia vera e propria e che può essere curata solo con apparecchi ortopedici, come corsetti; quindi è importante che i genitori valutino da subito questa tendenza a stare in anteposizione del tronco e delle spalle perché, se questo succede e il bambino non tende ad aprire le spalle e a stare in una posizione corretta, va consultato immediatamente un ortopedico”.

A questo link è possibile guardare il video con le interviste ai responsabili delle società.