influenza

È partita la campagna di vaccinazione antinfluenzale

di Luca Mario Nejrotti

Per la stagione influenzale 2019-2020, sono cominciate la campagna di vaccinazione e la sorveglianza Influnet.

Categorie a rischio.

Come si legge sul sito del Ministero della Salute, la vaccinazione antinfluenzale (vedi) viene dispensata gratuitamente dalla metà di ottobre fino a fine dicembre a:  

  1. soggetti di età pari o superiore a 65 anni;
  2. bambini di età superiore ai 6 mesi, ragazzi e adulti fino a 65 anni affetti da malattie che aumentano il rischio di complicanze da influenza;
  3. bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di Sindrome di Reye in caso di infezione influenzale;
  4. donne che all’inizio della stagione epidemica si trovino in stato di gravidanza;
  5. individui di qualunque età ricoverati presso strutture per lungodegenti;
  6. medici e personale sanitario di assistenza;
  7. familiari e contatti di soggetti ad alto rischio di complicanze;
  8. soggetti addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo e categorie di lavoratori;
  9. personale che, per motivi di lavoro, è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani;
  10. donatori di sangue.

Influnet.

Come consuetudine anche quest’anno è inoltre attivo un sistema di monitoraggio dell’epidemia. Ciò avviene attraverso il sistema Influnet (vedi), che si basa su una rete di sanitari sentinella costituita da medici di Medicina generale (MMG) e da Pediatri di libera scelta (PLS), reclutati dalle Regioni, che segnalano i casi di sindrome  influenzale (ILI) osservati tra i loro assistiti . La sorveglianza si esplicita nella raccolta di campioni biologici per l’identificazione di virus circolanti (Sorveglianza virologica).

La raccolta e l’elaborazione delle segnalazioni di malattia è effettuata dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS) che provvede all’elaborazione a livello nazionale e produce un rapporto settimanale. Le indagini virologiche sui campioni biologici raccolti vengono eseguite dai Laboratori facenti parte della Rete InfluNet e dal Centro Nazionale per l’Influenza (NIC) dell’ISS. 

La Sindrome Influenzale.

L’influenza è caratterizzata dall’improvviso e repentino insorgere di almeno un sintomo generale: febbre o febbricola; malessere/spossatezza; mal di testa; dolori muscolari; in associazione con almeno uno tra i sintomi respiratori: tosse; mal di gola; respiro affannoso.

Nel caso di bambini occorre considerare quanto indicato per gli adulti tenendo conto però anche del fatto che i bambini più piccoli non sono in grado di descrivere la sintomatologia sistemica. In questi casi invece si può manifestare irritabilità, pianto e inappetenza. Nel lattante l’influenza è spesso accompagnata da vomito e diarrea e solo eccezionalmente da febbre. Spesso nei bambini in età prescolare occhi arrossati e congiuntivite sono caratteristiche dell’influenza, in caso di febbre elevata. Nel bambino di 1-5 anni la sindrome influenzale si associa frequentemente a laringotracheite, bronchite e a febbre elevata.

Fonti.

http://www.salute.gov.it/portale/influenza/dettaglioNotizieInfluenza.jsp?lingua=italiano&menu=notizie&p=dalministero&id=3933

https://old.iss.it/site/RMI/influnet/pagine/primopiano.aspx