“GIULIA” E LA GRAMMATICA ITALIANA

  Di Gabriella Tanturri Già coordinatrice Comm. Pari Opportunità 2012 – 2014 dell’OMCeO di Torino Nel 2012 più di 800 giornaliste italiane, unite da un percorso di ribellione contro il modo in cui l’informazione tratta le donne in Italia, hanno costituito l’associazione Gi.U.Li.A (Giornaliste Unite Libere Autonome, SCARICA IL TESTO). Questo libro, facile, concreto e […]

Art32

MIGLIORI SI PUÒ: PARTIAMO DALLE PAROLE

  Discriminazione: è una parola che ha molti volti. Ma la nuova campagna di comunicazione sociale di Famiglia Cristiana “Le parole che possono uccidere”, gestita con Avvenire e con la Federazione italiana settimanali cattolici (Fisc), e realizzata dall’agenzia di pubblicità Armando Testa, di volti ne ha quattro: in primo piano con la testa che scoppia, colpiti […]

I QUOTIDIANI E LE NOTIZIE DI FEMMINICIDIO. UN’ANALISI DI LESSICO E SINTASSI

   La crescente attenzione rivolta al problema della violenza sulle donne,  anche dal punto di vista legislativo, innesca un uso sempre più affinato di tecniche di comunicazione. Nel caso dei quotidiani ad ampia tiratura il linguaggio utilizzato per dare la notizia è indicativo di una più ampia percezione sociale del problema. Uno studio piemontese ha […]

VIDEO CONTRO LA DISCRIMINAZIONE: EFFICACI?

    Per aumentare la consapevolezza del pubblico rispetto al tema del pregiudizio legato al peso, il Rudd Center For Food Policy & Obesity della Yale University, un centro di ricerca e di politica pubblica senza scopo di lucro dedicato a prevenire l’obesità e ridurre il peso dello stigma, propone tre video che affrontano il tema dei […]