DIRITTI UMANI PER TUTTI

Di Rosa Revellino

“Diritti umani per tutti. Per l’inclusione dei giovani con disabilità nella scuola e nella società”: è questo il nome dell’evento formativo gratuito organizzato lo scorso 6 aprile dall’AIFO Lazio (Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau) nell’ambito del “Progetto Fare AIFO – Abilitare Informare Formare Organizzare”, finanziato dalla Provincia di Roma. Il concetto base dell’evento è stato quello dell’inclusione, considerato come «uno dei principali indicatori del grado di civiltà e di benessere di un sistema sociale.»
I promotori hanno spiegato così l’importanza dell’iniziativa: «In una società e in un ambiente di apprendimento inclusivo, i ragazzi con disabilità interagiscono con gli altri studenti e sviluppano la consapevolezza del proprio valore e delle proprie potenzialità, imparando a vivere le relazioni sociali come protagonisti attivi. Anche gli altri ragazzi traggono beneficio da un ambiente inclusivo, imparando a riconoscere in ogni compagno di studio e di gioco una persona con pari dignità e pari diritti.» Durante l’incontro, questi concetti sono stati ripresi e ampliati dagli specialisti intervenuti: Simona Del Re, consigliera nazionale dell’AIFO, Carole Braccini, cooperante e consulente dell’AIFO (ICF e bisogni speciali), Pietro Barbieri, presidente nazionale della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), che ha parlato della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità, e Josè Mannu, responsabile scientifico per la Salute Mentale della Fondazione Internazionale Don Luigi Di Liegro.

Fonte:

http://www.superando.it/2013/04/03/linclusione-dei-giovani-con-disabilita/