I° Memorial Giuseppe Cardaropoli al congresso internazionale Andi Torino

di Patrizia Biancucci

Tanti anni fa, certamente più di una ventina, facevo consulenza di ortodonzia in uno studio di Torino e ricordo che veniva ogni tanto un ragazzone alto, dall’aria mite, occhi curiosi, sorriso dolcissimo, l’incarnazione dell’umiltà mentre stava lì “a guardare”, a imparare dal collega dentista e da me, professionisti della pratica quotidiana. Un po’ naif, elegante nei modi, faceva domande senza invadenza, lo sguardo trasognato più da poeta che da dentista. Avevamo, per così dire, fraternizzato per quanto il suo essere quasi riverente verso una persona più grande mi ispirava tenerezza, che poi nel tempo era diventata una sorta di affetto, lo stesso che provo nei confronti dei giovani dentisti alle prime armi. A un certo punto non l’ho più visto in quello studio, ma negli anni a seguire l’ho incontrato saltuariamente senza sapere bene chi fosse e cosa facesse di preciso, sempre con la stessa affabilità e gli abbracci affettuosi come vecchi compagni di collegio.

Daniele Cardaropoli

Poi, non so dire quando, scopro che questo tal Giuseppe, è il fratello di Daniele Cardaropoli, collega che ho seguito con ammirazione nella sua brillante carriera e con il quale ho avuto piccole schermaglie, diciamo, a lieto fine!

Giuseppe Cardaropoli

Di Giuseppe invece sapevo poco, sebbene in più di un’occasione ne sentivo parlare con notevole apprezzamento da parte dei colleghi. Poi un giorno di aprile 2018 leggo da qualche parte l’annuncio della sua morte: lo shock è stato immediato, la notizia mi ha addolorato, come quando perdi un amico caro, e solo in quella triste occasione ho “scoperto” il ricercatore, lo studioso, il professionista con formazione e incarichi di prestigio, un personaggio che “se la poteva tirare” ma che invece era rimasto l’umile ragazzone che avevo conosciuto anni addietro. Insomma un grande.

Virginio Bobba

E per onorare il suo ricordo e il suo notevole contributo alla ricerca scientifica in Parodontologia – lui diceva “le nostre decisioni cliniche devono essere supportate dalla letteratura”- gli sarà dedicato il I° Memorial Giuseppe Cardaropoli, fortemente voluto anche dal presidente Virginio Bobba, nel congresso Internazionale Andi Torino, “Successo a lungo termine in parodontologia ed implantologia: il reale apporto della ricerca scientifica alla pratica clinica”, 31 gennaio-1 febbraio 2020.

Sarà il fratello Daniele, venerdì 31 gennaio alle ore 14, a presentare la “Fondazione Giuseppe Cardaropoli”, creata su insistenti richieste da parte di molti amici e colleghi che vogliono mantenere vivo il suo ricordo. Ente del Terzo Settore, la Fondazione ha l’obiettivo primario di sviluppare la ricerca e la cura in ambito parodontale, implantare e di rigenerazione ossea; si propone inoltre ambiziosi progetti in questi campi, primo fra tutti una borsa di studio per studenti di Odontoiatria che vorranno effettuare una tesi sperimentale in questo ambito. Non solo, la Fondazione ha intenzione di aprirsi al mondo esterno, in particolar modo verso il mondo dei pazienti, e questo significa fare informazione e soprattutto prevenzione di patologie spesso subdole come quelle parodontali.

Caro Giuseppe, come vedi, sei ancora con noi.